Home » Shop » Ortaggi » Carciofo biologico

In offerta!
COD: 0829

Carciofo biologico

Esaurito

Descrizione

In azienda c’è una carciofaia di circa 350 piante di diverse varietà: tipo spinoso, violetto e romanesco che maturano da metà marzo a tutto maggio.  In base al periodo dell’ordine e al grado di maturazione dei capolini, saranno quindi consegnati carciofi misti delle diverse varietà.

Proprietà: Il carciofo ha diverse proprietà:

  • Favorisce la produzione e l’escrezione della bile, con conseguente effetto benefico sul fegato e sulla digestione
  • Favorisce la diuresi e quindi l’eliminazione di tossine ed eccessi di liquidi, favorendo il lavoro dei reni;
  • Aiuta a tenere sotto controllo l’ipertensione, grazie all’elevato contenuto di potassio che contrasta gli effetti negativi del sodio;
  • È un buon alleato per chi ha un eccesso di colesterolo nel sangue grazie alla presenza di fibre.

Come si pulisce

Un carciofo fresco ha le punte ben chiuse con un bel colore intenso e non sbiadito, con una base  molto soda. La pulitura de carciofo consiste nell’eliminare le foglie esterne più dure, nel tagliare via la parte terminale delle foglie rimaste (per eliminare la parte pungente e più dura) e  nel rifilare la base per eliminare la pare esterna più rovinata. Il gambo deve essere in parte tagliato via, lasciandone circa 3 o 4 cm, da cui deve essere eliminata la parte più esterna con un pelapatate. Attenzione: il carciofo si ossida (diventa scuro) molto velocemente, è quindi  bene utilizzare solo coltelli in ceramica e immergere immediatamente i frutti puliti in acqua fredda acidulata con del limone.

Come si cucina

Il carciofo è veramente versatile in cucina: si presta ad essere consumato fresco in insalata (condito con olio, limone e scaglie di parmigiano), in primi piatti di pasta o di riso, fritto nella classica ricetta del Carciofo alla Giudia, al forno con le patate o al gratin, alla brace nella classica preparazione del Carciofo alla Matticella, in tegame con mentuccia alla Romana o nella preparazione della Vignarola, il contorno per eccellenza delle campagne romane di primavera, in conserve sott’olio, senza dimenticare  i rustici con la ricotta o la classica torta pasqualina con i carciofi.

Conservazione

Come tutte le verdure deve essere conservato in frigorifero tra 0 e 4 gradi frigorifero, avvolto in un canovaccio e riposto in un sacchetto di plastica da lasciare assolutamente aperto: è sempre bene lasciare almeno un po’ di gambo.