Zuppa di Cavolo Nero

Zuppa di Cavolo Nero

Gli unici ortaggi a resistere alle gelate sono i cavoli! Non i broccoli siciliani e romani. Non i cavolfiori. Solo le verze, i cavoli capuccio rosso e bianco e il cavolo nero. Sotto terra troviamo anche i porri e ancora un pò di cicorietta selvatica. Cosa ci facciamo con il cavolo nero? Una zuppa squisita e nutriente: la zuppa di cavolo nero con porri, lenticchie e orzo.

Ingredienti x 4 persone

  • 250 di cavolo nero mondato dalla costa centale e dai gambi
  • 2 porri grandi
  • 1 carota e 1 costa di sedano (se volete)
  • 150 g di orzo perlato
  • 200 g di lenticchie
  • sale
  • peperoncino
  • 1 spicchio d’aglio
  • olio evo

Prendete le foglie del cavolo nero. Eliminate la costa interna e il gambo e tagliatele grossolanamente. Prendete il porro, eliminate le foglie verdi e tagliatelo sottile. Fatelo anche per la costa di sedano e la carota.

Prendete gli scarti delle verdure, metteteli in una pentola con 1 lt d’acqua e fate bollire  per circa 1 ora così da avere un brodo vegetale per la zuppa.

Lavate bene l’orzo e lasciatelo a bagno.
azienda agricola boccea_zuppa cavolo nero agricoltura biologica biodinamica romaPrendete le lenticchie, sciacquatele bene e mettetele in una pentola con dell’acqua fredda e portate a bollore. Fate bollire per 5 minuti. Finiti i cinque minuti, buttate l’acqua e lasciate le lenticchie su un piatto (questo processo renderà le lenticchie tenere e digeribili evitando la necesità di metterle nell’acqua per diverse ore).

Fate rosolare in una pentola  uno spicchio d’aglio e un peperoncino. Appena dorati toglieteli e aggiungete i porri con il sedano e la carota. Fate rosolare finchè non sono tenere e trasparenti e aggiungete quindi il cavolo nero. Girate bene e fate insaporire le foglie del cavolo.

A questo punto aggiungete le lenticchie e l’orzo, girate bene e aggiungete il brodo di verdure.

Lasciate cuocere a fuoco basso per circa un’ora.

A fine cottura aggiustate con il sale. Servite con un poco di olio evo crudo e una spolverata di parmigiano.

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *