Opportunità di Lavoro, Viaggio e Riscoperta della Terra

Opportunità di Lavoro, Viaggio e Riscoperta della Terra

Sul Sole 24 ore abbiamo trovato un articolo davvero interessante e fatto bene, che illustra le opportunità di lavoro in campagna per i giovani e parla dei woofer (avevamo già parlato dei woofer qualche tempo fa  – WWOOF: Viaggiare e Imparare), dell’Australia, della Francia, dell’Irlanda e della Svizzera.

Lo condividiamo qui nel nostro blog aziendale con la certezza che possa essere utile per qualcuno.

Dai Vigneti Francesi alle fattorie Australiane, c’è anche l’Erasmus per Imprenditori Agricoli
di Donatella Marrazzo

Sei un aspirante contadino, ami viaggiare e hai buone capacità di adattamento? Puoi fare agricoltura all’estero (e anche in Italia) con il Wwoof : world wide opportunities on organic farm, un movimento nato nel Regno Unito al quale partecipano 40 Paesi. Promuove  opportunità di volontariato nelle fattorie biologiche di tutto il mondo, per condividere lavoro e stili di vita. Basta iscriversi per ricevere un elenco di farms, eco-villaggi, famiglie, comunità,  tribù autosufficienti, enti pacifisti e animalisti che ricercano manodopera volontaria: 4 ore al giorno di lavoro nei campi per cinque giorni alla settimana. In cambio vitto, alloggio e buona compagnia. Richiesto decoro, serietà, ordine e  pulizia. L’esperienza è sempre possibile durante l’anno, ma bisogna considerare che ogni “host” segue un’agenda variabile in base al clima e alle stagioni. Meglio prenotare con qualche mese di anticipo.

Erasmus per futuri imprenditori agricoli

Più di 20mila tirocinanti agricoli hanno partecipato finora ai progetti di Communicating for Agriculture Education Programs (Caep), scegliendo tra vari indirizzi: agricoltura, enologia, orticoltura. In collaborazione con Erasmus, giovani imprenditori fanno esperienza sul campo in Australia, Stati Uniti, Nuova Zelanda, Nord Europa.

Può partecipare chi ha meno di 29 anni, un po’ di esperienza nel settore e una buona conoscenza dell’ inglese. Si apprendono e si scambiano saperi  e idee di business con imprenditori già affermati, dai quali i tirocinanti vengono ospitati e con i quali collaborano per un periodo di 6 mesi. Il soggiorno è cofinanziato dalla Commissione europea.

Australia, nei campi a 20 euro l’ora 

In Australia è sempre tempo di raccogliere frutta e verdura o di accudire pecore, maiali e agnelli. Le farm sono tante e si reggono anche grazie alla partecipazione di migliaia di giovani lavoratori stagionali che ogni anno raggiungono la terra dei canguri per vivere un’ esperienza di viaggio e di lavoro.

Il soggiorno in una fattoria  può durare diversi mesi e consente di guadagnare subito dai 15 ai 20 euro l’ora. Chi si trattiene almeno 88 giorni, dimostrando di aver dato il proprio contributo all’agricoltura australiana, viene premiato dal Governo con un nuovo Working Holiday Visa, della durata di 12 mesi.

C’è anche chi non approva, intravvedendo nel sistema una forma di sfruttamento. Ma i migliori backpacker, come vengono definiti  i viaggiatori low cost che dormono negli ostelli,  indipendenti e  non organizzati, sempre alla scoperta  di città,  parchi naturali e villaggi costieri, si pagano volentieri la vacanza riempiendo cassette di mango, meloni, fragole, uva, pesche. Nello zaino  la National Harvest Guide: contiene indirizzi e informazioni indispensabili.

Dai vigneti dell’Oregon ai ranch dello Iowa

Partenze da gennaio a marzo per vendemmie hi-tech nelle vigne australiane  con i programmi  dell’Associazione nazionale giovani agricoltori (Anga,Confagricoltura). Stessi tirocini negli  Usa, nella valle di Willamette dell’Oregon e in quella di Yakima a  Washington, dove si producono  Pinot nero, Merlot e Riesling apprezzati nel mondo.

Ma è possibile optare anche per altri impieghi: manutenzione del verde a Washington, allevamenti di suini nell’Illinois, lavoro da cowboy nei ranch dello Iowa, censimenti forestali in California o stage convenzionati con le università. Pacchetti da 2.300 euro per l’Australia e 2.100 dollari per gli Stati Uniti, per un impegno minimo  di 3 mesi. Con i guadagni si coprono le spese. Presto fra le mete di agricoltori under 35 e degli  studenti di agraria, scienze forestali ed enologia, anche Cina e Marocco.

In Francia per  la vendemmia, in Irlanda per la raccolta degli alberi di Natale

In  Francia fra qualche mese l’uva sarà matura. Così da agosto a ottobre, saranno impiegati nelle vigne schiere di  lavoratori stagionali: più di 300.000 ogni anno i contratti per la raccolta. In particolare, nella regione Champagne-Ardenne la richiesta di manodopera è molto alta  perché  i grappoli vengono tagliati esclusivamente a mano. I viticoltori ricercano 100.000 lavoratori a stagione, la maggior parte giovani,  solo nei dipartimenti della Marna, dell’Aube e di Aisne.  Per Belgio, Norvegia (dove l’agricoltura offre salari interessanti) e  Spagna, molte opportunità sono segnalate su Pickingjobs.com.

In Irlanda il lavoro contadino offre occasioni durante tutto l’anno. Sono richiesti operai non specializzati ma anche selezionatori di prodotti, personale per la trasformazione e l’imballaggio, per l’irrigazione dei campi, operatori agricoli e conducenti di  trattori e altre macchine. Le opportunità maggiori sono per le raccolte della frutta, dei funghi e delle fragole come per gli  alberi di Natale. In genere le aziende offrono l’alloggio. Per informazioni rivolgersi agli uffici regionali del Farm Relief Service.

Svizzera, rifugiati impiegati in agricoltura a 3000 euro

La Svizzera invece assume contadini al minimo salariale previsto dai contratti di categoria: 2300 franchi il primo mese, 3200 dal secondo.  L’iniziativa però riguarda solo i rifugiati: è un programma di integrazione, sostenuto dall’Unione Svizzera dei contadini e la Segreteria di Stato per l’immigrazione,  in un’area, il Canton Ticino, a corto di manodopera agricola che prevede, fra le attività parallele, anche l’apprendimento delle lingue. Dieci le aziende selezionate per il progetto pilota alle quali sarà riconosciuta un’indennità mensile fino a 400 franchi se offriranno  anche vitto e alloggio.

Azienda Agricola Boccea, Roma

Anche noi di Azienda Agricola Boccea ci stiamo organizzando per ospitare un programma di stage della durata di 4 mesi e rivolto a 3 persone. L’obiettivo è formare operai agricoli esperti nella coltivazione dell’orto secondo il metodo biodinamico e nel settore dell’allevamento di bovini al pascolo. Vi terremo aggiornati.

Fonte | Sole24Ore

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *