Le Infezioni Fungine Diventate Resistenti ai Farmaci

Le Infezioni Fungine Diventate Resistenti ai Farmaci

MILIONI DI PERSONE SARANNO PRESTO A RISCHIO PERCHÈ LE INFEZIONE FUNGINE STANNO DIVENTANDO RESISTENTI AI FARMACI.

I ricercatori credono che l’utilizzo diffuso dei fungicidi sulle culture stia riducendo l’efficacia dei medicinali antimicotici.

Gli scienziati ci avevano già avvisato che diverse infezioni fungine potenzialmente letali avevano sviluppato una resistenza nei confronti di numerosi farmaci normalmente utilizzati per combatterle.

Più di un milione di persone muore ogni anno a causa di devastanti infezioni micotiche e queste morti continueranno probabilmente a crescere con l’aumento della resistenza dei parassiti ai medicamenti.

I ricercatori dicono che l’utilizzo, assai diffuso, dei fungicidi sulle culture agricole potrebbe essere la causa principale della resistenza ai farmaci antimicotici e sembra rispecchiare la crescita della resistenza agli antibiotici usati contro le infezioni batteriche.

“Ci sono notevoli parallelismi tra la resistenza sviluppata dai batteri e quella manifestata dai funghi ma purtroppo quest’ultima ha dei risvolti in qualche modo più preoccupanti “dice il Prof. Adilia Warris, co-direttore de nuovo “Centro per la Micologia medica aperto all’università di Aberdeen.”

Ci sono più di venti tipologie di agenti antibatterici. Al contrario ci sono solo 4 classi di prodotti anti -micotici. Le munizioni  di cui disponiamo, in grado di sconfiggere i funghi mortalmente pericolosi, sono molto inferiori rispetto a quelle utilizzate contro i batteri.

Non possiamo, perciò, permetterci il lusso di perdere le poche armi che abbiamo disponibili (fino ad ora soso stati stanziati pochi fondi per la ricerca contro le infezione fungine.)

Anche altre malattie possono presentare conseguenze assai serie  dovute alle infezioni fungine. Gli individui che hanno ricevuto un trapianto del midollo e che sono immuno-depressi possono anche morire per un’infezione  micotica da candida o da aspergillus ad esempio.

Un paio di settimane fa si è evidenziato prepotentemente un altro problema quando un suonatore di cornamuse è morto perché dei funghi letali avevano infettato il suo strumento.

I funghi sono dovunque (come anche i batteri, i virus etc) dice il Prof. Gordon Brown dell’università di Aberdeen.” Respiriamo più di 100 spore di aspergilus ogni giorno.” Normalmente il nostro sistema immunitario li controlla facilmente. Ma quando le nostre difese sono compromesse, ad esempio come durante  le terapie contro il cancro oppure dopo un grave incidente, il sistema immunitario perde la capacità di difendersi da questi agenti infettanti.

“I fungi possono spargersi in tutto il corpo del paziente, fino alla colonna vertebrale e al cervello. Pazienti che avrebbero potuto sopravvivere grazie alle terapie possono morire a causa di queste infezioni micotiche mortali.”
agricola-boccea-agricoltura-bio-roma-the-guardian-infezioni-fungineIl punto da focalizzare secondo il Prof. Neil Gow dell’università di Aberdeen, “è che le malattie fungine sono proprio le malattie dei malati.” Inoltre i neonati prematuri e i pazienti che hanno ereditato condizioni di fibrosi cistica sono anche essi vulnerabili.

Il problema è ancora più serio nei paesi in via di sviluppo.

Nelle nazioni Sub-Sahariane, dove milioni di persone son infettate dall’HIV- che causa un severo deperimento del sistema immunitario, -le infezioni da cryptococcus e pneumocystis causano più di un milione e mezzo di morti ogni anno.

Il numero dei morti causato dalle infezioni fungine è circa lo steso di quelle causate dalla malaria ma solo metà dei soldi sono spesi nella ricerca sulle infezioni micotiche rispetto a quelli spesi per la malaria afferma il prof. Gow.

Un vaccino che possa difenderci dalle infezioni fungine non è stato ancora sviluppato. La resistenza ai farmaci sta seriamente preoccupando i medici

L’utilizzo diffuso di fungicidi sulle colture agricole per proteggere i raccolti e anche in alcune vernici o isolanti è stato collegato alla crescita di queste resistenze.

I medici hanno anche svelato un altro sviluppo preoccupante: un’epidemia di infezioni fungine, essenzialmente da cryptococcus, che erano scomparse in un primo tempo su soggetti sani. In una seconda fase di quest’epidemia nel nord est degli Stati Uniti ha provocato una dozzina di decessi.

È necessario acquisire nuove conoscenze su come i funghi si muovono nel corpo umano e come vi sopravvivono perché le infezioni fungine diventeranno un grave problema negli anni a venire.
Fonte e Immagini | The Guardian

 

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *