Vi Presentiamo il Radicchio

Vi Presentiamo il Radicchio

ll radicchio è uno degli ortaggi più caratteristici del periodo invernale con un inconfondibile e a volte poco amato sapore amarognolo . Già noto agli Antichi Greci e agli Antichi Romani veniva consumato crudo in insalata ma anche a fini terapeutici per curare l’insonnia mentre nel XVII secolo la sua radice veniva infusa in una specie di surrogato del caffé.

Composizione: acqua, proteine, zuccheri, grassi, Vitamine A, gruppo B, C, E, K, Sali minerali (magnesio, ferro, fosforo, potassio, selenio, zinco, rame, manganese).

Calorie per 100 gr: 23 kcal. Grazie alla grande quantità di acqua e a una buona presenza i fibre, il radicchio è indicato nelle diete ipocaloriche

Proprietà: come tutti gli ortaggi di colore rosso-viola, il radicchio contiene moltissimi antiossidanti, addirittura in misura maggiore rispetto al mirtillo. In particolare, la luteina e la zeaxantina, insieme alla vitamina A proteggono gli occhi dai danni causati dall’età. Grazie al gran contenuto di acqua e alle fibre presenti, il radicchio aiuta la funzionalità intestinale in generale e del colon in particolare, grazie alla inulina che mantiene in salute la flora intestinale, inibisce la proliferazione di batteri nocivi e aiuta a regolare il livello di glicemia nel sangue. Ricordiamo inoltre, che le verdure amare in generale e il radicchio in particolare stimolano la produzione di bile, favorendo la digestione e sostenendo la funzionalità del fegato. Infine, il radicchio ha anche proprietà analgesiche e sedative, utili in caso di insonnia.

Come si pulisce: al momento dell’acquisto il radicchio non deve avere le foglie esterne scure, appassite, macchiate o eccessivamente bagnate. La pulitura prevede di eliminare le foglie esterne rovinate ed utilizzare l’intera pianta, avendo cura di lavarla bene sotto l’acqua corrente. Per eliminare il sapore amaro, è possibile lasciarlo in ammollo in acqua fredda per un paio d’ore prima del consumo, sapendo però che questa operazione elimina la maggior parte delle utilissime proprietà di questo ortaggio.

Come si cucina: nonostante il sapore amaro. Il radicchio di presta a tante preparazioni: crudo in insalata, gratinato al forno, nei primi piatti con pasta o con riso di norma accompagnato con carni dolci (come la salsiccia) o con formaggi cremosi (come brie o gorgonzola).

Conservazione: il miglior metodo di conservazione è in frigorifero tra 0 e 4°, opportunamente avvolto in un canovaccio e quindi in un sacchetto di plastica, per un massimo di circa 7-10 giorni.

Attenzione: di norma il radicchio non presenta particolari controindicazioni ma chi soffre di gastrite, chi è allergico al nichel, così come chi soffre di ulcera, di calcoli o colicistite dovrebbe limitarne l’utilizzo.

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *